#cantieriAQ

LABORATORI - SPETTACOLI - EVENTI

nel cuore del centro storico della città

  • A testa in giù a 30 metri d'altezza.Il 24 luglio doppio appuntamento con I cantieri dell'Immaginario. Brucaliffo presenta Mister David in "Extrame Escape"

    Doppio appuntamento domenica 24 luglio con I Cantieri dell’Immaginario.

    Alle ore 21 al chiostro di San Domenico l’appuntamento è con “Sogno di una notte di mezza estate” a cura di TeatroZeta e dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese, mentre alle 22.30 ci sposta al Parco del Castello con il circo contemporaneo di Brucaliffo, che presenta Mister David con “EXTREME ESCAPE”.

    Mister David, per la prima volta all’Aquila, è campione mondiale di street magic, record man di salti con la corda su monociclo, performer nello spettacolo “Brachetti and his friends”.

    L’esibizione è un mix di straordinarie performance: manipolazione di cappelli, grandi fughe, illusionismo e comicità per tutte le età.  Lo spettacolo ha il suo culmine nell’evasione da una camicia di forza in cui David è appeso a testa in giù ad una gru a 30 metri di altezza

    Durante la serata si svolgeranno anche tre performace di circo contemporaneo e danza urbana.

    I performer che si alterneranno al fianco di Mister David sono: Hexagon Dance Company: compagnia di danza composta da ballerini ed atleti nell’ambito del Contemporaneo, Modern, HipHop, Break Dance e Parkour.

    Interpreti Jacopo Scotti, Alessio Scotti, Nicoletta Ragone, Roberto Parisse, Raffaella Colangeli, Michela Ciocca, Valerio Mastracci, Clara Funaro, Alessio Sarra, Federico Casciola.

    Yari Croce: viaggiatore magico che fa sognare con le sue bolle di sapone giganti.

    Joujoux Folie (Simone Tositori e Valeria Chiara Puppo): compagnia di circo contemporaneo che fonde insieme acrobatica aerea, acrodanza, clown e teatro fisico.

     

     

     

  • SABATO 23 e DOMENICA 24 LUGLIO 2016 SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE, PRIMA NAZIONALE

    Nell’anniversario shakespeariano 2016, IV centenario della morte del grande drammaturgo inglese, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese e Teatrozeta presentano, nell’ambito del cartellone del Festival I Cantieri dell’Immaginario, Sabato 23 e Domenica 24 luglio alle ore 21.00 presso il Chiostro del Complesso di San Domenico - che per la prima volta apre le sue porte alla manifestazione dell’estate aquilana - lo spettacolo teatrale e musicale Sogno di una notte di mezza estate: il testo shakespeariano nel nuovo adattamento del regista Livio Galassi, presentato in prima nazionale, accompagnato dall’esecuzione integrale delle musiche di scena composte da Felix Mendelssohn nel 1843 per Federico Guglielmo IV di Prussia.

» tutte le news

Today's news


Next news



I luoghi, percorsi della memoria

Una delle conseguenze più vistose e forse più tristi del terremoto è la progressiva "chiusura" dei tradizionali luoghi di incontro e di aggregazione spontanea della città. Luoghi che prima erano crocevia di incontri, di relazioni, di scambi, oggi sono piccoli, o grandi, deserti. Anche la perdita forzata di questi "centri" contribuisce oggi a disperdere, a frammentare l'identità della comunità cittadina. L'intento principale è quello di ridonare simbolicamente ad ogni piazza e luogo di incontro cittadino l'antica funzione di agorà che questi spazi cruciali della vita cittadina hanno sempre svolto: non solo punti di incontro, dunque, ma anche centri di irradiazione del logos pubblico, alvei in cui vengono scambiate le idee sul presente e discussi i progetti per il futuro.

  • I luoghi dello spettacolo

    Un percorso attraverso i luoghi della cultura e della vita sociale: divenuti immensi cantieri, in occasione del festival si apriranno a musicisti, danzatori, performers e attori che sapranno rivitalizzarli alla ricerca di nuove identità ed energie.

  • Le piazze

    Un viaggio nelle piazze, dentro e fuori la zona rossa, da sempre simbolo della città. In questi luoghi di incontro oggi deserti, senza vita e senza identità, gli artisti porteranno eventi, performances, installazioni, utilizzando i cantieri della ricostruzione come scenografie.

  • I luoghi della storia

    Un itinerario attraverso monumenti, costruzioni ecclesiastiche e opere architettoniche del passato per scoprire la storia cittadina, ricercare le radici culturali, riappropriarsi delle memorie e al contempo guardare al futuro.